- Mal di denti -

Consigli pratici per il mal di denti e miti da sfatare

Mal di denti

In caso di dolore in generale e di mal di denti in particolare, il freddo agisce da analgesico "fisico" e può completare l'azione dei farmaci antidolorifici, comunque necessari. La bassa temperatura riduce la frequenza di trasmissione degli stimoli dolorosi e attenua il bruciore tipico dell'infiammazione. Se si è subito un intervento odontoiatrico che ha lasciato una ferita, l'applicazione di ghiaccio aiuta anche a frenare la perdita di sangue, facendo contrarre i piccoli vasi sanguigni presenti nella gengiva e facilitando la coagulazione. Al contrario, l'applicazione di ghiaccio non attenua, e anzi può far peggiorare, il mal di denti di tipo nevralgico: in questo caso, l'unico aiuto efficace viene da farmaci analgesici e antinfiammatori.



Paura del dentista

La paura del dentista non è diffusa soltanto tra i bambini. Molte persone adulte, anche perfettamente razionali ed equilibrate, possono vivere il momento della visita odontoiatrica con estremo disagio, fino a sviluppare una vera e propria ansia anticipatoria che acuisce il dolore già presente e quello percepito durante le operazioni mediche del caso. Scegliere un dentista in cui si abbia totale fiducia, che faccia sentire a proprio agio e attento a gestire adeguatamente il dolore durante e dopo le cure odontoiatriche è fondamentale per superare questo problema. Un'ulteriore strategia utile consiste nel focalizzare i pensieri su una persona cara e/o su situazioni piacevoli che permettano di allontanarsi mentalmente dal momento che si sta vivendo. Anche una musica rilassate e positiva diffusa nello studio medico può offrire un notevole aiuto.



Cause di mal di denti

Non è raro che anche denti perfettamente sani possano fare male. Le due cause più comuni di questo fenomeno sono sensibilizzazioni secondarie a erosione dello smalto o al ritiro dei colletti gengivali e le nevralgie di varia origine. Nel primo caso di solito è possibile individuare facilmente i denti coinvolti osservandoli attentamente e sollecitandoli con il tocco o con stimoli freddi (piccolo getto d'aria o acqua). Nel secondo caso, invece, il dolore tende a essere diffuso su più denti o a un'intera arcata e persistente: per attenuarlo servono farmaci analgesici/antinfiammatori, ma per evitare che si ripresenti o persista a lungo vanno indagate e trattate le cause. Tra le più frequenti ci sono: il digrignamento inconsapevole, con conseguente stress dell'articolazione temporo-mandibolare e irritazione nervosa; il bruxismo, che usura anche lo smalto; stati di ansia e stress o errori posturali, che determinano contratture a livello della testa, del collo e della spalle, con effetti che si propagano poi alla bocca.



Farmaci per il mal di denti

Nessun dentista vorrebbe arrendersi all'impossibilità di salvare un dente danneggiato. Purtroppo, però, ci sono situazioni in cui l'estrazione rappresenta l'unica possibile soluzione per risolvere infezioni gravi o ricorrenti. Per placare il dolore dopo l'avulsione sono utili farmaci analgesici/antinfiammatori e l'applicazione di ghiaccio. Se il dente estratto era interessato da un ascesso o se esiste un significativo rischio di infezione successiva, il dentista prescriverà anche l'antibiotico, da assumere per bocca per alcuni giorni (3-5 a seconda del farmaco utilizzato).



Consigli igiene orale

Spazzolino, dentifricio al fluoro e filo interdentale, uniti a un'alimentazione sana e a controlli odontoiatrici periodici, sono i migliori alleati di una bocca sana e il più potente antidoto contro il mal di denti. Per un'igiene orale ideale, bisogna spazzolare i denti con cura, per almeno due minuti, dopo ogni pasto e passare il filo interdentale una volta al giorno, preferibilmente la sera. In questo modo, si impedirà alla placca di accumularsi e di provocare carie e gengiviti.



Scarica la scheda Consigli pratici per il mal di denti e miti da sfatare


con il patrocinio di


LOGINAccedi all'area riservata