Glossario

Harmonia Mentis - l'informazione che fa bene alla mente

Mal di denti nei bambini



Condividi su

Che cos'è il mal di denti nei bambini


ll mal di denti è un dolore intenso, dovuto a un'infiammazione dei tessuti del dente e/o della gengiva, che può riconoscere diverse cause. Nei bambini più piccoli, il dolore più frequente è quello indotto dall'eruzione dei denti da latte; quando il bimbo è più grande, invece, i principali fattori causali sono la carie, la presenza di un frammento di cibo incastrato trai denti o una lesione al dente dovuta a un trauma. Anche problemi gengivali possono essere alla base del mal di denti.

  • Dentizione: l'eruzione dei denti da latte può indurre dolore e, talvolta, anche sanguinamento delle gengive. Inizia in genere intorno a 6 mesi e continua fino a 2 anni circa. I denti da latte vengono poi sostituiti da quelli permanenti a partire da 6 anni circa, fino a 12 anni, quando compaiono i molari. Di solito nei bambini più grandi il dolore non è presente, ma permane un certo disagio.
  • Denti che dondolano: talora i dentini da latte cominciano a dondolare e inducono dolore, soprattutto se non sono ancora "pronti" per cadere e il bambino li tira o li spinge, anche senza volere.
  • Carie: rappresenta la principale malattia dei denti ed è, ancora oggi, un disturbo molto comune in età pediatrica. Nelle nazioni europee, ben oltre il 60% dei bambini tra gli 8 e 9 anni presenta almeno un dente cariato, quota che sale all'85% nei ragazzi fra 13 e 14 anni. La carie porta alla perdita progressiva di calcio e alla corrosione dei tessuti duri del dente. dovuta principalmente ai microrganismi presenti nella placca batterica e a un'alimentazione ricca di zuccheri.
  • Gengivite: è l'infiammazione delle gengive, di solito dovuta alla placca batterica, ma anche a traumi, alimentazione errata o carenze vitaminiche.

Sintomi
Dentizione: i sintomi della dentizione variano da un bambino all'altro. In genere, il bimbo diventa più irritabile, sbava più del solito e le gengive possono gonfiarsi e diventare rosse. Spesso il piccolo morde qualunque cosa gli capiti a tiro.
Carie: il primo sintomo è l'ipersensibilità al caldo e al freddo, agli acidi e agli zuccheri. A mano a mano che l'erosione procede verso l'interno del dente, l'ipersensibilità aumenta e anche una minima pressione può diventare dolorosa. Quando poi viene raggiunta la polpa del dente si ha un'infiammazione, detta pulpite, con comparsa di dolore intenso, anche in assenza di stimoli.
Gengivite: si manifesta progressivamente con rossore e gonfiore gengivali (localizzati o estesi), facile sanguinamento, ipersensibilità e dolore.







Torna all'elenco dei dolori


LOGINAccedi all'area riservata
Credits Note legali Privacy |   © Edra LSWR SpA 2013 - P.iva 08056040960