- Dolore al femminile -

Che cos'è la gravidanza extrauterina

Che cos'è la gravidanza extrauterina

Si definisce gravidanza extrauterina (o gravidanza ectopica) una gravidanza che si sviluppa al di fuori dell'utero. Questo accade quando l'uovo fecondato, invece di impiantarsi nell'utero, si insedia in un'altra sede e lì comincia il suo sviluppo. In tal caso, però, lo sviluppo risulta anomalo e il feto non può formarsi. La sede più comune di impianto extrauterino è la tuba, mentre altre sedi, come la cervice uterina, le ovaie o l'addome sono rare.

La complicanza più grave della gravidanza ectopica è l'emorragia intra-addominale: quando l'ovulo fecondato comincia a ingrandirsi, le strutture extrauterine non sono in grado di aumentare di conseguenza le loro dimensioni. Si ha così la lacerazione dei tessuti circostanti. In caso di gravidanza tubarica, per esempio, si avrà rottura della tuba e dell'arteria tubarica, con ingente sanguinamento all'interno dell'addome.

Fortunatamente, la gravidanza ectopica è, in genere, diagnosticata nelle prime 5-10 settimane, quando ancora le dimensioni non sono tali da provocare i danni maggiori. Di solito, l'uovo si impianta sulla tuba solo se questa è danneggiata, lesa o distorta; pertanto, il rischio di gravidanza ectopica aumenta in caso di precedenti patologie della tuba, come infezioni tubariche, infiammazioni pelviche, precedenti gravidanze ectopiche oppure se la gravidanza si verifica in presenza di un dispositivo contraccettivo intrauterino.

Dato che i sintomi sono molto simili a quelli di un aborto o di un'infiammazione pelvica, la gravidanza ectopica può essere confusa con una di queste due condizioni, ritardando il riconoscimento di questa patologia che, se non trattata adeguatamente, può avere esiti fatali.

Sintomi della gravidanza ectopica

I sintomi della gravidanza extrauteriina più comuni sono dolore in sede pelvica e addominale con perdite ematiche.

Qualora si verifichi rottura della tuba, la sintomatologia comprende:

  • sanguinamento;
  • ipotensione;
  • sensazione di svenimento o perdita di coscienza;
  • vertigini;
  • pallore;
  • sudorazione;
  • tachicardia;
  • dolore crampiforme al basso ventre così forte da non riuscire a stare in piedi.

Tale sintomatologia deve indurre a recarsi subito in Pronto Soccorso, poiché la rottura tubarica è un'emergenza.