Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

02/07/2019

Enciclopedia

3 minuti

Dolore nocicettivo

Il dolore nocicettivo, viene evocato da una serie di fattori in grado di produrre una lesione ai tessuti

Il dolore nocicettivo, determinato dall'attivazione dei recettori del dolore, chiamati nocicettori , viene evocato da una serie di fattori in grado di produrre una lesione ai tessuti. I nocicettori , presenti un po' ovunque nel nostro organismo, a partire dalla cute fino a muscoli, tendini e organi interni, vengono attivati in vario modo dalle lesioni e trasmettono, attraverso le fibre nervose, i messaggi dolorifici ai neuroni del midollo spinale e da qui al cervello. Di seguito sono elencate le principali cause del dolore nocicettivo.

INFEZIONI/INFIAMMAZIONI

Nelle infezioni in genere la causa del dolore è l'infiammazione che compare nella zona infettata come reazione dell'organismo all'invasione da parte dell'agente infettivo. Il dolore da infiammazione di solito si associa ad altri segni, come per esempio gonfiore e calore nella parte infiammata, talvolta arrossamento. In questi casi si ha il rilascio di mediatori dell'infiammazione, tra i quali le prostaglandine e le prostacicline, che hanno un'attività algogena. Il dolore evocato non è influenzato dalla posizione o dal riposo.

TRAUMI MECCANICI

Un trauma, come uno stiramento eccessivo di un tendine o di un muscolo o una contusione, può costituire la causa del dolore per attivazione dei nocicettori meccanici. Il dolore è in genere associato alla posizione che si assume oppure a particolari movimenti e scompare con il riposo.

USTIONI

L'ustione può essere di tre tipi: ustione termica, ustione elettrica o ustione chimica. Produce dolore immediato per stimolazione diretta dei nocicettori dell'epidermide. Quando è profonda, può distruggere i terminali nervosi. Se la distruzione è totale, i terminali nervosi diventano insensibili fino a quando non si rigenerano completamente, ma se la lesione è solo parziale le fibre nervose continuano a inviare messaggi dolorifici. Inoltre, l'infiammazione che segue la lesione sensibilizza i nocicettori intorno alla lesione stessa. Tutte queste stimolazioni che arrivano dalla periferia vengono amplificate dal sistema nervoso centrale a causa degli stimoli ripetuti. Per questo, nelle ustioni, la sensibilità al dolore aumenta nel tempo.

ALLERGIE

Le manifestazioni allergiche possono comparire a carico di diversi organi e apparati: occhi, pelle apparato respiratorio, apparato gastrointestinale, talvolta apparato muscolo scheletrico. La sintomatologia è dovuta a una reazione infiammatoria prolungata. Alcuni allergeni stimolano una risposta immunitaria lenta, con attivazione dei linfociti T che producono sostanze responsabili di arrossamento, gonfiore e dolore, che compare in genere dopo 48 ore dal contatto con l'allergene; altri stimolano una produzione anomala di anticorpi IgE con rilascio immediato di istamina, che induce rapidamente infiammazione, e altre sostanze come prostaglandine e leucotrieni, che hanno attività algogena.

DEGENERAZIONI TISSUTALI

Tipiche patologie degenerative sono quelle osteoarticolari, come l'osteoartrosi (OA), nelle quali si hanno alterazioni metaboliche delle cellule che costituiscono la cartilagine e degenerazione dei tessuti ossei dell'articolazione. In queste affezioni il dolore è una componente importante.

 

Vai all'argomento successivo: Dolore neurogeno

Altri Articoli da "Enciclopedia"